Il Nodo Compagnia teatrale
 

L'Inferno di Dante

Da Dante Alighieri

Lettura - Spettacolo


 
   
 
L'Inferno di Dante
     
Porta questo spettacolo nel tuo teatro!
 
Letture Teatro contemporaneo Teatro sperimentale

Brani affrontati:

Canto I: Incipit e intervento di Virgilio

Dante si perde nella selva oscura dove incontra Virgilio che si offre di fargli da guida nel viaggio attraverso l’Inferno e il Purgatorio.

 

Canto II: Incontro tra Virgilio e Beatrice

Virgilio racconta di quando Beatrice, venuta a conoscenza delle difficoltĂ  di Dante, sia andata nel limbo per invitarlo ad accorrere in suo aiuto.

 

Canto III: Ingresso all’Inferno e Caronte

Dante legge l’iscrizione sulla porta dell’Inferno e viene turbato dai lamenti della prima schiera di dannati: i pusillanimi. Virgilio invita il poeta a passare oltre e i due arrivano sulle sponde dell’Acheronte dove fanno la conoscenza del demone Caronte, il traghettatore delle anime dannate, che li conduce all’altra riva.

 

Canto V: Minosse, Paolo e Francesca

Dante scende nel secondo cerchio: all’ingresso si staglia Minosse, il giudice infernale che sentenzia il luogo dell’eterna punizione di ogni dannato. Il poeta è colpito dal fragore della bufera che travolge le anime dei lussuriosi e riesce a parlare con Francesca da Polenta, che gli racconta della sua storia di amore appassionato e clandestino con il cognato Paolo Malatesta.

 

Canto VI: Cerbero, Ciacco

Dante è nel terzo cerchio, dove una pioggia ininterrotta flagella le anime dei golosi mentre il demonio Cerbero le graffia, le scuoia e le assorda con il continuo urlare dalle sue tre gole. Un dannato si presenta al poeta: si tratta di Ciacco, un fiorentino.

 

Canto VII: Pluto, lo Stige

Superato Pluto, il demone guardiano del quarto cerchio, Dante si trova al cospetto delle anime degli avari e dei prodighi. Prosegue poi verso la palude Stige, dove gli iracondi sono immersi nel pantano.

 

Canto XII: I centauri

Nel primo girone del settimo cerchio Dante scorge un gruppo di centauri armati di saette correre lungo la riva di un fiume di sangue bollente chiamato Flegetonte. Grazie all’intervento di Virgilio il centauro Chirone acconsente al passaggio di Dante e fornisce il centauro Nesso come guida al guado del fiume infernale in cui sono immersi i violenti verso il prossimo.

 

Canto XIII: Il bosco dei suicidi

Dante e Virgilio entrano in una orrida selva posta nel secondo girone del settimo cerchio. Il poeta coglie il ramo di un grande pruno e sente il tronco gridare. Scopre allora, grazie al racconto di Pier della Vigna, che quelle piante altro non sono che le anime dei suicidi.

 

Canto XVII: Gerione (in parafrasi)

Il demonio Gerione si manifesta in tutta la sua mostruosità. Carica poi sulla sua groppa Virgilio e Dante e con ampi e lenti cerchi nell’aria conduce i due attraverso un burrone fino all’ottavo cerchio, di cui è custode.

 

Canto XXIV: Vanni Fucci (in parafrasi)

Nella settima bolgia dell’ottavo cerchio, Dante osserva le anime dei ladri tormentati da ogni specie di serpenti. Incontra il pistoiese Vanni Fucci che per rabbia e dispetto predice al poeta le future sventure dei guelfi bianchi.

 

Canto XXVI: Ulisse

Giunto nell’ottava bolgia dell’ottavo cerchio, quella dei consiglieri fraudolenti, Dante incontra Ulisse e ascolta il racconto della sua fine, avvenuta in mare nel corso di un ardito viaggio oltre le colonne d’Ercole.

 

Canto XXXI: I giganti

Dante si trova al cospetto dei giganti che, ritti nel pozzo centrale, emergono dall’ombelico in su come torri. Virgilio chiede aiuto al gigante Anteo e questi, senza proferir parola, li depone, come richiesto, sul fondo ghiacciato del nono cerchio.

 

Canto XXXIII: Ugolino

Nella seconda zona del nono cerchio, dove vengono puniti i traditori della patria, il conte Ugolino della Gherardesca racconta i dettagli della prigionia e della straziante morte per fame sua e dei propri figli.

 

Canto XXXIV: Lucifero e uscita dall’Inferno

Dante contempla atterrito la mole gigantesca e orripilante di Lucifero. L’enorme testa ha tre facce e in ognuna delle tre bocche vi è un peccatore, maciullato in eterno: si tratta rispettivamente di Giuda, Bruto e Cassio.

Il poeta è giunto quindi al termine del suo viaggio nell’Inferno e insieme a Virgilio torna in superficie a riveder le stelle.


       
       
Condividi su facebook! Condividi  
       




 
Produzione teatrale in cartellone
 
 
 
Commedie
   
Teatro di intrattenimento
   
Teatro per ragazzi
   
Drammi
   
Letture
   
Teatro classico
   
Teatro contemporaneo
   
Teatro sperimentale
   
  L'Acchiappa Ratti di Hamelin
  L'Inferno di Dante
  Otello
  Vita da Clown
  La Metamorfosi
  La Signorina Julie
  Non Credergli!
Spettacoli scuola dell'attore
   


  Teatro per ragazzi
  Dal 2004 Il Nodo Bimbi si dedica
alla produzione di commedie
per ragazzi e didattica teatrale
per l'infanzia...
   
  Approfondisci

  Scuola dell'attore
  Un progetto articolato
di scuola di teatro attivo
in provincia di Brescia
dal 1990
   
  Approfondisci
  Newsletter
  Tutte le news
ed informazioni sugli
spettacoli e non solo...
   
  Iscriviti ora!
   
 
Home / Calendario spettacoli / Rassegne teatrali / Produzione teatrale
Compagnia Teatrale / Scuola dell’attore / Contatti / Credits
     
Il Nodo Teatro Associazione Culturale s.s.l. Privacy - Contattaci   Contattaci!
 
sponsor by
Itsol